ll trapianto capillare è un trattamento efficace per le persone che soffrono di perdita dei capelli; influenzando in modo positivo ogni aspetto della loro vita. Il trapianto capillare è considerato un trattamento altamente consigliabile in quanto l’esito finale di questa procedura contribuirà positivamente soprattutto all’aspetto fisico delle donne. Nessuno vuole soffrire di caduta dei capelli o di calvizie complete; infatti è una condizione medica nota per poter lasciare un individuo in uno stato costante di preoccupazione, paura e terrore. A parte gli impatti negativi sull’aspetto fisico, la perdita di capelli può anche portare a stati di estrema sofferenza psicologica.

Questa situazione colpisce le donne molto più degli uomini. Uno studio ha rivelato che; gli uomini che soffrivano della perdita di capelli avevano una generale sensazione di insofferenza, le donne invece sentivano emozioni piu’ profonde e intense come la vergogna, la paura e l’umiliazione di perdere i capelli. Infatti, è stato anche osservato che le donne hanno la tendenza a soffrire di seri problemi psicologici come; sentimenti di inadeguatezza in un ambiente sociale, passare molto tempo a nascondere zone diradate o calve ed avere problemi ad accettare la loro condizione di perdita dei capelli. Sebbene la maggior parte dei pazienti sottoposti a trapianto di capelli siano ancora uomini, un’alta percentuale di donne ha iniziato a considerare di sottoporsi all’intervento. Prima di procedere con il nostro argomento; “trapianto di capelli per le donne”, affronteremo le cause della perdita dei capelli nelle donne e le azioni da intraprendere per evitare che essi cadano.

Perdita dei capelli nelle donne

La perdita dei capelli di tipo femminile nota anche come alopecia androgenetica, è la causa più comune di caduta.

Altre potenziali cause di perdita dei capelli nelle donne sono:

  • Avere una predisposizione genetica alla caduta dei capelli
  • Malattie autoimmuni
  • Cambiamenti a livelli ormonali
  • Terapie farmaceutiche
  • Menopausa
  • Gravidanza
  • Stress eccessivo
  • Perdita di peso rapida
  • Carenza di ferro

Possiamo iniziare la nostra analisi rivedendo la più comune condizione di perdita di capelli medica;

Alopecia Androgenetica

I cambiamenti follicolari che causano l’alopecia androgenetica sono simili tra uomini e donne. Rallentamento progressivo dei follicoli piliferi terminali (spessi e scuri), miniaturizzazione dei capelli, trasformazione terminale in vello (conversione dei peli terminali spessi e scuri in peli molto sottili e bianchi chiamati vellus), accorciamento del ciclo di crescita dei peli e, infine, caduta graduale. Anche se il modello di calvizie maschile e la perdita dei capelli femminile condividono caratteristiche simili, in realtà sono diverse in molto aspetti. Generalmente la perdita dei capelli maschile influenza la zona frontale, le stempiature e il vertex mentre per le donne la caduta dei capelli avviene in maniera diffusa sulle zone del vertex e mediali, é rarissimo infatti per una donna essere completamente calva. Nel modello di calvizie maschile, l’attaccatura inizia a spostarsi in dietro gradualmente lasciando la fronte aperta mentre per le donne questo é rarissimo. Generalmente la caduta dei capelli femminile si presenta principalmente con un assottigliamento diffuso su tutto lo scalpo o solo in zone specifiche. Poiché la calvizie maschile segue un schema tipico, è molto più facile rilevarla rispetto alla calvizie femminile. Inoltre, poiché la perdita dei capelli femminile può essere scatenata da molte condizioni, è molto più difficile da diagnosticare rispetto agli uomini.

L’alopecia Androgenetica femminile può seguire 3 diversi modelli:

  1. Diffusa (progressiva)
  2. Localizzata (stabile)
  3. Schematica (modello maschile)

1. Diffusa (progressiva): questa condizione di perdita dei capelli è caratterizzata da un diradamento diffuso nella zona della chierica che può estendersi in tutto il cuoio capelluto, conservando l’attaccatura frontale

Secondo la gravità della caduta dei capelli, la progressione della calvizie femminile può essere classificata sulla scala di Ludwig come, Ludwig I, II, III.

Ludwig I-

kadinlara sac ekimi

Type I è definito come il primo stadio di perdita dei capelli. Il diradamento dei capelli nell’area del vertex è considerato mite.

Ludwig II-

Kadinlara sac ekimi

In questa fase, il diradamento sulla zona del vertex (chierica) aumenta e questo, è accompagnato da una notevole diminuzione della densità dei capelli e da un diradamento anche nella parte mediana del cuoio capelluto. Se il paziente ha follicoli piliferi sani nell’area donatrice, una procedura di trapianto di capelli può essere un’opzione valida in questa fase.

Ludwig III-

In questa fase l’attaccatura dei capelli frontale è ancora visibile, ma l’area del vertex mostra un’estesa perdita di capelli, i capelli sono diventati così sottili che è impossibile nascondere il cuoio capelluto. Se il paziente ha riserve di capelli sufficienti nella zona donatrice, in questa fase l’unica soluzione è sottoporsi a una procedura di trapianto capillare.

2. Localizzato (stabile): questo tipo di perdita di capelli è caratterizzato dalla recessione bitemporale della parte mediana nel centro del cuoio capelluto senza diradamento diffuso

Questo tipo di perdita di capelli, che è stato classificato da Olsen, è definito come “modello dell’albero di Natale” nella perdita di capelli femminile (Olsen).

3. Schematica (Modello Maschile): La perdita di capelli schematica è caratterizzata dalla recessione bitemporale delle tempie, che fa si che l’attaccatura dei capelli frontale si sposti indietro (recedere) (Hamilton)

Questo tipo di perdita di capelli segue lo stesso schema osservato nella calvizie maschile (che forma un modello a M o a V)

Modi per prevenire la perdita dei capelli nelle donne

Prevenire la caduta dei capelli può essere possibile attraverso trattamenti medici e cura di sé, oltre a mantenere una dieta sana. Prima di raccomandare qualsiasi piano di trattamento per le donne, è necessario identificare il loro tipo di perdita di capelli e le cause. Questo, può essere possibile solo con la diagnosi corretta fatta da un medico specializzato. Inoltre, determinare se la condizione di perdita di capelli è permanente o temporanea e progressiva o stabile, sarà utile per scegliere il programma di trattamento più efficace per il paziente.

Le opzioni di trattamento principali raccomandate alle donne sono;

Trapianto capillare: il trapianto di capelli che offre una soluzione permanente per la perdita dei capelli, è il processo di estrazione di unità follicolari dall’area donatrice (che si svolge nella parte posteriore della testa) che sono geneticamente resistenti alla calvizie ce he vengono impiantate nelle zone di interesse, vuote dello scalpo. Questa procedura, che viene eseguita con metodi invasivi minimi, produce risultati positivi nelle donne con condizioni di perdita permanente dei capelli, purché abbiano una quantità adeguata di capelli nella zona donatrice. Il trapianto capillare e’ fra i trattamenti preferiti dalle donne che sperimentano condizioni di perdita di capelli localizzate o con un modello maschie.

Minoxidil: la soluzione topica di Minoxidil è l’unico farmaco indipendente dagli androgeni che è stato approvato dalla FDA. La soluzione topica di Minoxidil applicata al cuoio capelluto viene utilizzata per stimolare la crescita dei capelli, che a sua volta aiuta a rallentare e a fermare la progressione della caduta dei capelli. Si raccomanda alle donne di utilizzare una soluzione topica di minoxidil al 2%.

PRP: la terapia PRP è un’opzione terapeutica correttiva e protettiva non chirurgica per il trattamento della calvizie. Il PRP comporta la centrifugazione del campione di sangue di un paziente per separare i globuli rossi dal plasma ricco di piastrine e quindi iniettare questo plasma ricco di piastrine nelle aree trattate.

Mesoterapia dei capelli: mesoterapia dei capelli è il processo di applicazione di piccole dosi di farmaci selezionati nella pelle da aghi speciali. È un trattamento alternativo che si effettua per ridurre la perdita di capelli e promuoverene la crescita.

Dieta sana: avere una dieta ricca di proteine ​​come carne rossa, pesce, uova, cereali integrali insieme a biotina, magnesio, zinco, selenio, vitamine A, E, C e B6, che si possono trovare negli spinaci, nelle banane e nei verdi, può aiutare i tuoi capelli a riempirsi di sostanze nutritive, che a loro volta rinforzeranno e proteggeranno i capelli.

Statistiche sulla perdita dei capelli femminile

  • Una donna su quattro soffre di perdita di capelli. Questo numero aumenta a 2 donne su 4 durante la menopausa.
  • Circa il 40% delle donne che soffrono di caduta dei capelli ha ereditato la perdita geneticamente.
  • Esistono circa 30 diverse condizioni che provocano la perdita di capelli nelle donne, tuttavia solo alcune sono effettivamente riscontrabili nella maggior parte dei pazienti.
  • Oltre il 10% delle donne in pre-menopausa e più del 50% circa delle donne di età superiore a 65 anni sono affette da diradamento dei capelli.
  • Mentre l’84% delle donne che soffrono di perdita di capelli lotta con bassa autostima,34% lotta con la depressione e il 94% considera la loro condizione di perdita di capelli socialmente inaccettabile rispetto agli uomini.
  • Circa il 17,5% dei pazienti sottoposti a un trapianto capillare in tutto il mondo sono donne.

Un altro punto degno di nota è nelle donne con perdita di capelli di tipo femminile, il trapianto capillare richiede un approccio diverso. Rispetto agli uomini, la perdita di capelli nelle donne generalmente non si traduce in un arretramento dell’attaccatura frontale. Le aree maggiormente interessate sono il vertex e le regioni parietali. Per questo motivo, una procedura di trapianto capillare eseguita su una donna richiede un grado relativamente elevato di esperienza.

Trapianto capillare per le donne

Anche se i principi di base rimangono gli stessi, quando si eseguono trapianti capillari per le donne, è importante tenere in considerazione alcuni aspetti essenziali.

Le fasi di trapianto capillare per le donne sono;

Alle donne non è richiesto di radersi completamente la testa prima di sottoporsi a un trapianto capillare.

  1. In primo luogo, nella parte posteriore della testa viene creata una finestrella che funge da area di estrazione; solo questa zona viene rasata. Poiché i capelli esistenti nasconderanno la piccola area rasata, nessuno noterà che il paziente ha subito un intervento.
  2. Dopo che al paziente sono stati somministrati anestetici locali con iniettori a getto senza ago e indolore, le unità follicolari vengono estratte con l’ausilio di un micro motore utilizzando aghi molto sottili aventi un diametro di 0,6-0,8 mm.
  3. Successivamente, i follicoli piliferi vengono impiantati uno ad uno nelle incisioni presenti nell’area ricevente, che sono state create con estrema precisione, prendendo in considerazione la direzione naturale e l’angolo di crescita dei capelli.
  4. Il processo di trapianto è condotto mediante tramite l’utilizzo di bisturi in zaffiro lisci e affilati.

Se la procedura di trapianto capillare prevede un infoltimento generale fra capelli ”indigeni”, il processo di trapianto verrà eseguito con la tecnica DHI, utilizzando un trapianto (choi).

Come per tutti i trapianti capillari, il piano dell’intervento dev’essere personalizzato e pensato in base alle specifiche individuali. Per questo motivo, durante la vostra visita specialistica, con una corretta analisi e pianificazione, è possibile riavere i capelli persi nel tempo. Nella Clinica del Dott. Serkan Aygin, offriamo servizi di trapianto capillare per le donne.