La caduta dei capelli può avvenire per diverse ragioni. Mentre molti uomini sono spesso colpiti da calvizie maschile, come risultato della genetica, la perdita dei capelli può colpire anche le donne. Non solo i capelli sulla parte superiore della testa sono a rischio, ,ma anche peli facciali e le sopracciglia. Oltre alla calvizie maschile, la perdita dei capelli può anche essere causata dall’alopecia areata (una malattia autoimmune che causa la caduta dei capelli a chiazze), ormoni (ormoni naturali come la gravidanza o farmaci con ormoni in essi), problemi alla tiroide , carenze nutrizionali e persino stress. Quando la perdita dei capelli colpisce, può influenzare notevolmente la propria autostima. Il trapianto capillare ha aiutato a restituire a coloro che hanno sofferto di caduta, i loro capelli e la loro fiducia.

I trapianti sono stati perfezionati nel corso degli anni, fino a diventare una procedura sicura e minimamente invasiva.

Cos’è un Trapianto Capillare?

What is a Hair TransplantIl trapianto capillare è una procedura in cui i follicoli piliferi vengono estratti da una parte del corpo (chiamato “sito donatore”) e vengono impiantati nella zona che ha sofferto la caduta dei capelli – cuoio capelluto, sopracciglia, viso. La procedura è in corso da decenni, ed è cambiata molto, ridefinendo il processo in quello che è oggi.

I primi trapianti capillari

The Earliest Known TransplantIl primo trapianto di capelli conosciuto è stato documentato nel lontano 1822, da uno studente di medicina e dal suo docente in Germania. I capelli vennero impiantati da una zona della testa a un’altra. Nonostante loro lo definissero un successo che avrebbe aiutato coloro che soffrivano di calvizie maschile, ci furono pochissimi altri interventi di trapianto capillare, almeno fino al 1900.

L’inizio dei trapianti moderni

The Beginning of the Modern TransplantsI moderni trapianti capillari iniziarono nel 1939, con un processo sviluppato da un dermatologo giapponese, Dottore Okuda. La sua tecnica, nota come “punch technique”, nasce dalla volontà di ripristinare i capelli persi a causa di ferite e ustioni. Questa particolare tecnica consisteva nell’estrazione di parti della cute che contenevano follicoli piliferi e li spostavano in piccoli fori nelle aree danneggiate. Un altro dermatologo in Giappone ha ridotto le dimensioni degli innesti solo pochi anni dopo.

Sviluppo negli Stati Uniti

Development in the United StatesFu solo negli anni ’50 che le tecniche sviluppate in Giappone si fecero strada negli Stati Uniti. Il dottor Norman Orentreich eseguì la procedura nel 1952 e il suo studio fu finalmente pubblicato sette anni dopo. In questo studio, ha coniato il termine “dominanza dei donatori”, che afferma che i capelli trapiantati presentano ancora i tratti dell’area da cui sono stati prelevati, piuttosto che quelli dell’area in cui vengono impiantati. Il dottor Orentreich usava dimensioni dell’innesto di 4 millimetri, che erano particolarmente grandi, e di conseguenza non sembravano abbastanza naturali. Tuttavia, questa dimensione era ancora utilizzata fino agli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, e divenne nota come effetto bambola che ha assunto una connotazione negativa.

Nell’ultima parte degli anni ’80 negli anni ’90, sono stati introdotti micro e minigraft, affinando significativamente il processo. Micrografts erano utilizzate per ammorbidire l’attaccatura dei capelli mentre i minigraft erano utilizzati come riempimento di altre zone. Più innesti venivano impiantati in una sessione, a differenza degli anni precedenti, dove in zone più ampie venivano effettuati meno innesti.

Estrazione di unità follicolari

Follicular Unit ExtractionLa tecnica più moderna, sviluppata negli anni ’90, è estremamente raffinata. I medici estraggono le singole unità, in un processo noto come estrazione dell’unità follicolare (FUE), utilizzando unstrumento di perforazione con un diametro molto piccolo e un micro motore. Le unità follicolari vengono poi trapiantate nelle aree che si desidera ripopolare. Sia il sito donatore che il sito ricevente sono intorpiditi con un anestetico locale e la procedura non richiede alcuna sutura. La procedura consente un lavoro molto dettagliato e risultati naturali senza cicatrici o dolore.

La FUE è diventata la procedura più praticata nei primi anni 2000 ed è ora considerata il “gold standard” negli interventi di trapianto capillare.